martedì 11 dicembre 2018

40 Anni di Centro Storico del Finale

In coda alle manifestazioni 2018 organizzate dall’Associazione, in occasione dell’appuntamento tradizionale Dinô da Nüxe in programma domenica 6 gennaio 2019, dal 7 dicembre 2018 al 6 gennaio 2019 verrà allestita la mostra “40 anni di Centro Storico del Finale”.
1978-2018, 40 anni di manifestazioni in un percorso dove immagini, video, accessori e abiti faranno ripercorrere i momenti salienti della vita associativa, raccontando la “fabula” del Centro Storico del Finale. Manifesti d’epoca e 34 pannelli originali con immagini, storie, curiosità, racconti inediti e retroscena degli eventi che hanno animato la cittadina per quattro decenni e coinvolto in qualche modo la vita di circa un migliaio di Soci iscritti nei primi quarant’anni di attività del sodalizio.
Oltre agli originali pannelli, dove storia e immagini si alternano e si inseguono come in un ancestrale balletto, la cui realizzazione grafica è stata interamente curata da uno staff di giovani grafici - coordinati dalla segreteria dell’associazione - saranno filmati “d’epoca” con alcuni spezzoni inediti e nuove produzioni. Nel percorso a ritroso di questo viaggio nel tempo, le immagini virtuali saranno supportate da alcuni veri accessori e abiti che renderanno multisensoriale la mostra: non solo grafica, video e immagini, ma tessuti, abiti e oggetti, collegati alle immagini in video per cercare di trasmettere al “viaggiatore” l’emozione che sta alla base di questa opera di volontariato culturale. Abiti storici, con il magico potere di animare insospettabili cittadini e trasformarli in cavalieri, popolani o giullari.
La storia delle manifestazioni e delle persone che l’hanno create; la storia della passione iniziata quando per la prima volta un vessillo dorato con cinque bande rosse ha sfilato per la città. Il corteo storico, il Palio delle Compagne, il teatro dialettale “Oltre Govi”, le mostre, il mercatino delle “vecchie cose”, le visite ai castelli, i tornei di Arco antico, la cena medievale, il Dino da Nuxe, la musica antica, il castello incantato, il progetto nelle scuole finalesi, fino ad arrivare al Viaggio nel Medioevo, da alcuni anni attività principale dell’Associazione. Un percorso ricco di pubblicazioni, di riconoscimenti e di gratificazioni. Quattro generazioni di giovani e le loro “imprese”, a Castel San Giovanni i primi 40 anni del Centro Storico del Finale.
Con il patrocinio del Polo Museale della Liguria e del Comune di Finale Ligure, la mostra sarà visitabile durante i giorni di apertura della Fortezza: venerdì sabato e domenica dalle 11.00 alle 17.00.

lunedì 10 dicembre 2018

Memoria è futuro

13 dicembre 2018 - 2 febbraio 2019 La Soprintendenza Archivistica e Bibliografica della Lombardia, con il supporto della Direzione Generale Archivi del MIBAC e in collaborazione con l'Archivio di Stato di Milano, presenta la Prima mostra nazionale dei beni archivistici e librari acquistati al patrimonio culturale statale presso gli Uffici Esportazione italiani.
La narrazione di come i percorsi di tutela generino valore pubblico nel momento esatto in cui l'esercizio dell'azione amministrativa comprime i diritti soggettivi per il superiore interesse sociale. Un viaggio dal Medioevo all'età contemporanea attraverso i luoghi della conservazione in cui i beni troveranno la loro casa pubblica.
Dalla valorizzazione alla tutela alla scoperta della nostra identità.

"Leonardo Da Vinci – Gli strumenti musicali di un genio" a Catanzaro

La palazzina delle esposizioni Ex Stac proporrà un suggestivo percorso espositivo aperto al pubblico nei mesi di dicembre 2018 e gennaio 2019. L’assessorato alla cultura, guidato da Ivan Cardamone, ha concesso il proprio patrocinio alla mostra “Leonardo Da Vinci – Gli strumenti musicali di un genio e l’antica liuteria tra Medioevo e Rinascimento”, promossa dall’associazione As.AR.P.
Sarà presentata alla città una importante collezione di antichi strumenti musicali ricostruiti da Michele Sangineto sulla base dei disegni originali di Leonardo. Si tratta di una serie di strumenti musicali realizzati dal maestro liutaio ebanista Michele Sangineto che li ha creati basandosi sugli antichi bozzetti pensati e disegnati da Leonardo e contenuti nel Codice Atlantico e in quello di Madrid. Così dai disegni sono stati creati veri e propri strumenti perfettamente funzionanti utilizzati anche dai figli di Sangineto nei loro spettacoli musicali, come l’Organo di Carta, la Lira da braccio, la Viola organista e la Pira a vento continuo.
L’esposizione, curata da Sergio Basile, con il patrocinio dell’assessorato comunale alla Cultura, è composta anche da numerosi altri strumenti prodotti da Sangineto, ripresi proprio da molte opere d’arte come il quadro di Piero di Cosimo dal titolo "La liberazione di Andromeda" che si trova agli Uffizi di Firenze, dal quale ha creato un Tamburin de Béarn, un tamburo a corde percosse, unito ad un flauto chiamato galoubet.

giovedì 29 novembre 2018

Leonardo da Vinci: la Vita i codici, le opere e le Macchine

A 500 anni dalla morte di Leonardo Da Vinci, l’amministrazione comunale di Circello (BN) ha deciso di celebrare il Genio Toscano con una mostra allestita presso la Rocca Medievale.
“Leonardo da Vinci: la Vita i codici, le opere e le Macchine” rimarrà aperta al pubblico per tutto il mese di dicembre 2018 e gennaio 2019. Curata dall’associazione culturale “Il Genio di Leonardo” la mostra ha riscosso già grande successo per i percorsi didattici proposti agli istituti scolastici del territorio Tammaro/Fortore.
Lo scenario suggestivo della Rocca Medievale di Circello e la presenza di un esperto permetterà al visitatore di entrare nello straordinario mondo di Leonardo, affascinato dal racconto dell’evoluzione della sua arte e del suo sguardo sul futuro. Visionando i pezzi della mostra risulta evidente l’importante lavoro eseguito con molta minuzie dei particolari dall’associazione, al fine di riprodurre in scala opere e macchine funzionanti partorite dalla mente del Genio Rinascimentale. L’interattività delle macchine ha un ruolo fondamentale, offrendo al visitatore la possibilità di toccarle con mano e quindi capire il loro funzionamento e comprendere fino in fondo quanto furono straordinari intuito e abilità di Leonardo nel concepire studi e sviluppi tutt’ora alla base della fisica e della scienza.
“Fondamentale per la crescita di una comunità come quella di Circello – afferma il sindaco Gianclaudio Golia – puntare sulla cultura; nel 2019 saranno 500 anni esatti dalla morte di Leonardo e ci è sembrato doveroso celebrarlo con una mostra tutta incentrata sulle sue scoperte e opere. Insomma, il mondo celebrerà Leonardo Da Vinci e noi non volevamo essere da meno”.
L’amministrazione di Circello ha ritenuto opportuno allestire la suddetta mostra, convinta che si riveli un Evento culturale capace di attrarre turisti e curiosi sul proprio territorio. Durante i giorni della mostra saranno allestiti mercatini del gusto e dell’artigianato locale al fine di promuovere le tipicità che caratterizzano il territorio circellese.

mercoledì 28 novembre 2018

Mostra documentaria "I manoscritti e i libri di Fernand Brisset nelle collezioni dell'Accademia Petrarca"

Mostra documentaria "I manoscritti e i libri di Fernand Brisset nelle collezioni dell'Accademia Petrarca" (Arezzo, Casa del Petrarca, 30 novembre 2018 - 28 aprile 2019).
La mostra intende mette in rilievo, forse la prima volta, la figura di Fernand Brisset come traduttore del Petrarca, ma anche il patrimonio bibliografico donato dallo studioso francese all’Accademia Petrarca. Si affronterà dunque il tema del ‘valore’ delle traduzioni del Brisset in rapporto al fenomeno delle traduzioni in lingua francese delle opere del Petrarca fra XIX e XX secolo, evidenziando al tempo stesso il contributo dato dal Brisset all'accrescimento della Biblioteca Petrarchesca, la raccolta permanente di edizioni a stampa legate alla figura e all'opera di Francesco Petrarca, promossa e inaugurata dal prof. Guido Paliotti nel 1928 .